• HOME

Guardare al concetto di valore della PA con gli occhi dei cittadini e delle imprese

 

In questi anni abbiamo molto sentito parlare del concetto di valore come elemento con cui soppesare la bontà delle attività di PA e aziende. Vorrei cogliere l’occasione di questo contributo per dare un senso concreto al concetto di valore.

Credo sia necessario chiedersi, come prima cosa, cosa dà valore a coloro che interagiscono con un Ente o con un’Azienda: che esigenze hanno i diretti interessati e di cosa hanno bisogno? Cosa li rende maggiormente soddisfatti?  

Per esempio, ci si potrebbe chiedere: cosa mi dà valore quando acquisto un film su YouTube, un elettrodomestico su Amazon, un disco su iTunes? La velocità della transazione, l’usabilità dei canali di acquisto, l’efficienza del customer care in caso di problemi?   Sono tutti elementi che valutiamo quando, come privati cittadini, interagiamo con le aziende. Fanno ancora fatica, invece, a essere considerati anche in ambito Pubblica Amministrazione.  

Partire dalla conoscenza dello status quo e, anche, dall’eccezione che conferma la regola è ciò su cui stiamo puntando: sono tanti i casi virtuosi che, da Nord a Sud, danno una vista nuova sul concetto di valore che le PA possono offrire ai cittadini e alle imprese attraverso l’offerta di servizi digitali. Li abbiamo analizzati – e interpretati – grazie all’aiuto del nostro partner Forum PA, per raccoglierli nella prima edizione della ricerca “Ca.Re.: indagine sulla maturità digitale dei comuni capoluogo italiani”.  

È proprio dagli esempi positivi emersi dai risultati della ricerca che vorrei partire per definire il concetto di valore e per dare il contributo di Dedagroup Public Services a questo tema.

 
 

Una PA digitale è una PA vicina al modo di vivere e di lavorare di cittadini e imprese

Una delle dimensioni indagate dalla ricerca è quella dei Digital Public Services, ovvero della quantità e completezza dei servizi online che i 110 capoluogo di provincia offrono a cittadini e imprese.

Malgrado – e un po’ ce l’aspettavamo – la discontinuità della diffusione e la differenza nord-sud, abbiamo visto con sorpresa che la città di Bari, per esempio, è la prima tra le grandi città in termini di completezza dei servizi online offerti.  

 

Valore #1
Ampliare lo spettro dei servizi online offerti ai cittadini e alle imprese è un’occasione unica per riposizionare la PA come Istituzione che mette al centro le esigenze di una collettività digitale.

La pubblica amministrazione crea valore se genera servizi on line basati su dati non replicati, affidabili e certificati e processi codificati e uniformi. Servizi che creano un continuo digitale con cittadini e imprese basato sulla condivisione di informazioni, documenti e processi.

 

Integrazione tra centro e periferia: il grado di adozione delle grandi infrastrutture nazionali

 

In che modo le Amministrazioni comunali sfruttano le potenzialità offerte dalle piattaforme digitali nazionali per abilitare una migliore interlocuzione digitale con cittadini e imprese?   Sono Milano, Bologna e Modena che spiccano per capacità di sfruttare al meglio le funzionalità offerte dalle piattaforme. Spostandoci al centro, si registrano la maturità di Roma e di Pisa e la sorpresa dei best performer Cagliari e Matera. 

Valore #2 
I cittadini e le imprese devono poter dialogare con la PA con modalità digitali end-to-end: l’iscrizione di un figlio a scuola deve includere anche la possibilità di pagare online la retta della mensa scolastica.

La pubblica amministrazione crea valore se si presenta ai cittadini ed alle imprese in modo coerente ed uniforme a prescindere dal ruolo che la singola PA svolge. L’adozione di piattaforme trasversali come PagoPA, SPID, IO Italia vanno in questo senso ma secondo noi devono essere valorizzate anche le iniziative sviluppate a livello regionale come l’Accesso Unitario ai servizi per le imprese della Regione Emilia-Romagna.      

 
 

Costruire una PA aperta: il tema degli open data e della circolarità delle informazioni

 

Per analizzare la maturità in termini di apertura digitale abbiamo preso in considerazione il numero di dataset accessibili online, il formato con cui queste informazioni sono pubblicate, il numero di strumenti social e di messaggistica istantanea che gli Enti già usano per dialogare con cittadini e imprese. I comuni che hanno raggiunto la classificazione più elevata in quest’ambito sono Firenze, Palermo, Bergamo, Pisa e Udine.   

Valore #3
La pubblica amministrazione crea valore se condivide con cittadini ed imprese le proprie informazioni, se raccoglie dati dai gestori dei servizi pubblici locali, dalle altre PA e dai sensori che sono in continuo aumento, li integra e li restituisce alla città per attivare processi di co-progettazione e miglioramento della qualità della vita. In particolare, a livello locale attraverso la condivisione di dati i comuni possono diventare attivatori della rete di interconnessioni delle intelligenze del territorio.  

I comuni sono a contatto con il cittadino, sono in grado di raccogliere i bisogni e di progettare anche con l’aiuto dei cittadini soluzioni. Negli enti locali ci sono persone che ogni giorno fanno questo e che oggi hanno uno strumento in più: il digitale e i dati.  

 
 

Conoscere per migliorare, insieme

 

Con la ricerca Ca.Re. abbiamo costruito uno strumento operativo per ampliare la capacità delle PA di misurare l’efficacia della propria azione.   Così guardiamo al concetto di valore con gli occhi dei nostri stakeholder – le PA – per rispondere concretamente alle loro esigenze: offrire loro strumenti con cui possono accrescere le proprie competenze digitali, conoscere e misurare l’efficacia delle proprie azioni, condividere successi e apprendere dagli errori.

Per questo, i contenuti e i risultati della ricerca Ca.Re. presentata quest’anno saranno portati avanti anche in futuro: valore per noi è contribuire al monitoraggio dell’andamento del grado di digitalizzazione degli Enti in Italia e offrire questa conoscenza a tutti nostri interlocutori.  

Vogliamo creare un appuntamento utile con cui accompagnare la digitalizzazione dei servizi pubblici in Italia partendo da una solida base di conoscenza condivisa.

 
 

Aiutare la PA a cambiare è un progetto industriale

 

Il nostro obiettivo è fornire alle Amministrazioni un ecosistema di soluzioni e servizi con cui far evolvere i servizi pubblici: disegnati per soddisfare i bisogni concreti di cittadini e imprese; integrati in una visione unica del cittadino che è contemporaneamente contribuente, genitore, paziente; interoperabili, cioè aperti all’integrazione con altri servizi, indipendentemente dall’ecosistema di origine, purché appartenenti ad un framework condiviso di regole; data driven, cioè guidati da anagrafiche certificate e aperte affinché si realizzi il principio “one single truth”. Mettere i dati al centro significa più efficacia, più efficienza, più trasparenza, meno corruzione.

 

Non ci interessa aggiornare soluzioni esistenti, realizziamo soluzioni con cui le PA creano una nuova generazione di servizi pubblici.

 

Valore per noi è lasciare che le città si concentrino sulla qualità dei servizi erogati

 

Siamo convinti che le aziende debbano fare la propria parte con passione e che queste possono giocare un ruolo fondamentale in questa trasformazione. Lavoriamo avendo a mente la necessità di essere – per tutte le PA – un partner di trasformazione digitale aperta, che coniuga la costruzione di reti con cui promuovere la cooperazione tra centro e periferia con l’offerta di soluzioni che consentono la digitalizzazione end-to-end dei servizi offerti alla collettività. SaaS, interoperabilità, governance sono le parole che guidano il nostro modus operandi: sposiamo appieno il modello strategico della nuova PA descritta nei Piani Triennali.   

 

Viviamo la grande opportunità di costruire una Pubblica Amministrazione che funziona, che mette al centro il cittadino e non l’adempimento.

 

Questo, dal nostro punto di vista, è il valore che possiamo creare alle PA di questo Paese.

Metterci nei loro panni per aiutarle a cambiare secondo le proprie specifiche esigenze. Aiutarle a comprendere che i servizi pubblici digitali non devono essere la replica dei vecchi modelli procedurali che vedevano amministrazioni e cittadini contrapposti gli uni agli altri ma che devono, invece, essere ridisegnati in una logica di collaborazione con i cittadini e imprese con l’obiettivo comune di migliorare la qualità della vita nelle città.

 

Fabio Meloni
CEO Dedagroup Public Services
vedi profilo >

copyright © Dedagroup Public Services s.r.l. Sede Legale e Amministrativa: Via di Spini, 50
38121 Trento (TN)
Tel. +39 0461 997111
dedagroup.publicservices@legalmail.it
P.I.: 01727860221 - C.F.: 03188950103