Oggi più che mai: le reti come leva per cambiare il Paese

 

Oggi più che mai, il Sistema Informativo Geografico delle Reti esprime al meglio il proprio potenziale quando viene integrato con tutti i processi aziendali. In base a questa considerazione, solo apparentemente banale, quando 15 anni fa abbiamo costituito il Multi Utility User Group, ci siamo impegnati non solo nel prodotto di base, nella sua capacità di gestire in modo efficace la mappa delle reti tecnologiche, ma anche nelle integrazioni con gli altri pilastri del Sistema Informativo delle Aziende che offrono servizi di Pubblica utilità: la gestione clienti, l’esercizio rete e la contabilità/controllo finanziario delle commesse.

Tutto questo senza perdere di vista le comunicazioni all’Autorità di controllo ARERA e al Sistema Informativo Federato delle Infrastrutture (SINFI), che opera a supporto della banda larga in Italia.

Oggi più che mai queste integrazioni fanno la differenza nell’efficienza e nella profittabilità delle aziende che si occupano di gestire i servizi a Rete e sono il tema portante di tutti i seminari e i workshop tecnici che organizziamo assieme ai nostri clienti e partner. Il 2 ottobre abbiamo ospitato a Bologna i rappresentanti di 16 aziende per una giornata di aggiornamento sullo sviluppo delle tecnologie di base Esri e Schneider Electric.

Le idee raccolte in quella occasione sono state poi condivise durante nell’ambito del Seminario Europeo per le aziende di Pubblica Utilità e di Telecomunicazioni, ospitato da Esri Europe a Rotterdam il 9 ottobre.

 

Il fil rouge di questi incontri è stato la capacità di fare sistema per accompagnare le Aziende di pubblica utilità verso la trasformazione digitale.

 

Sul fronte della gestione reti facciamo leva sulla nostra partnership con Schneider Electric Italia, che ci porta competenze e tecnologie nel mondo degli Advanced Distribution Management Systems (ADMS), che oggi affiancano i tradizionali sistemi SCADA con le nuove funzioni di gestione della generazione distribuita e la conduzione ottimizzata della rete.

 In ambito contabilità e controllo finanziario delle commesse e delle attività tecniche, ci avvaliamo delle competenze della nostra consociata Derga, attraverso cui completiamo e valorizziamo le integrazioni anche lato SAP e SAP HANA, offrendo competenze attorno alle tematiche del controllo di gestione e della contabilità, oltre che in materia di manutenzioni (PM e PS) e di gestione clienti (CRM).

Lavoriamo anche nell’area delle comunicazioni all’Autorità di controllo ARERA, area in cui abbiamo siglato un accordo di collaborazione con Trilogis, che ci permette di completare l’offerta con Box, una soluzione pronta ma nativamente estensibile, per la gestione del controllo.

 

Rispetto alla precedente architettura client server, l’evoluzione della piattaforma Esri e Schneider Electric - che sta alla base dei progetti Multi Utility User Group realizzati da Dedagroup Public Services - si rafforza e può essere sintetizzata attraverso due intuizioni, o modalità di approcciare al futuro di questo tema.

 

In futuro avremo a disposizione un ecosistema di applicazioni specializzate per le diverse fasi del ciclo di vita degli asset in azienda.

Grazie alla nuova architettura a servizi, il preventivista e il tecnico di campo potranno collaborare in modo più fluido nelle attività di rilievo, preventivo, costruzione e messa in esercizio della rete e degli allacci, facendo sì che il sistema di archivio possa essere aggiornato costantemente e non solo a consuntivo. Le singole applicazioni dedicate alle diverse mansioni aziendali sono più specifiche e più facili da usare per il personale tecnico impegnato sul campo.

Catturare e gestire le informazioni di ciclo di vita degli asset direttamente dalle applicazioni utilizzate per gestire e coordinare il lavoro è molto importante: sono proprio le efficienze operative a fornire il motore economico necessario a supportare l’innovazione di processo nelle aziende di pubblica utilità.

 
 
 

Già oggi, integrando il processo di preventivazione con ArcFM Designer eXpress, riusciamo a realizzare un risparmio superiore al 30% sulle attività tecniche e ci aspettiamo ulteriori risparmi coordinando al meglio anche le fasi di sopralluogo, costruzione, messa in esercizio e conduzione rete nel sistema di controllo avanzato della distribuzione (ADMS). Il secondo approccio evidenzia come il sistema di progettazione - System of design - che aggiorna in tempo reale il sistema di archivio - System of Record - porti le Aziende dalla transizione alla trasformazione digitale.

Grazie ai dati di rete e di progetto sempre aggiornati in archivio possiamo coinvolgere - si parla in questo caso di System of engagement - gli addetti e i clienti nelle diverse attività aziendali migliorando la condivisione delle informazioni utili.

Moltiplicando le informazioni nativamente disponibili in archivio è possibile analizzare e scoprire - System of Insights - evoluzioni e tendenze nell’organizzazione e nell’ambiente in cui opera l’azienda - System of IoT - grazie ad una sempre più ricca offerta di componenti custom e standard of the shelf [COTS] di facile riutilizzo e successo.

 
 

Oggi più che mai siamo pronti a supportare le Aziende nel percorso di trasformazione digitale che libera moltissime risorse economiche altrimenti intrappolate nell’inefficienza dei processi tradizionali.

 

Così realizziamo l’evoluzione delle infrastrutture immateriali e facciamo leva anche sulle reti costruire un Paese più digitale.

 
 

Tomaso Bertoli
Service Platform
vedi profilo >

copyright © Dedagroup Public Services s.r.l. Sede Legale e Amministrativa: Via di Spini, 50
38121 Trento (TN)
Tel. +39 0461 997111
dedagroup.publicservices@legalmail.it
P.I.: 01727860221 - C.F.: 03188950103